crosystem logo

Discopatie ed Ernie: la fisioterapia rapida ed efficace

riabilitazione dicopatie ed ernie con crosystem

Figura 1

Il Croystem agisce sulla funzione muscolare mediante un’azione diretta sui centri di controllo.

Questa modalità di intervento consente di avere risultati in tempi molto brevi. La metodica non fa uso di farmaci, ma solo di una leggera vibrazione meccanica applicata solo sui muscoli interessati e non interferisce con pacemakers, protesi, pompe di infusione.

Può essere applicata senza dolore o fastidio, dai primi mesi di vita.

 

Clicca qui per avere un’ampia sintesi in italiano degli studi scientifici con i relativi link

Su richiesta forniamo gli studi integrali per i vostri medici curanti

Guido M. Filippi

Nelle patologie della colonna quali ernia del disco, discopatia, protusioni vertebrali, il metodo Crosystem permette un rapido ed efficace intervento sulla muscolatura, favorendo l’azione dei muscoli addominali per la protezione delle vertebre lombari, o decontraendo i muscoli trapezi che sono spesso causa dei problemi per le vertebre cervicali

Le discopatie, le protrusioni, le ernie vertebrali sono patologie molto diffuse, che colpiscono la colonna vertebrale a livello dei dischi intervertebrali, causando, spesso un coinvolgimento delle vie nervose situate in vicinanza di tale affezione.

La riabilitazione tradizionale per discopatie ed ernie vertebrali è spesso lunga e difficile mentre la riabilitazione medica attuata col macchinario CroSystem può agire con notevole efficacia e in tempi molto rapidi, come ampiamente dimostrato dalle pubblicazioni scientifiche.

La Colonna Vertebrale e le sue Patologie

Figura 2

Figura 2

La colonna vertebrale, o anche spina dorsale o rachide, svolge un ruolo fondamentale nel sostegno del nostro corpo. Questa funzione è diventata essenziale da quando la nostra specie ha avuto l’idea di passare dalla postura a quattro zampe a quella eretta, certamente guadagnandoci in dignità, ma altrettanto certamente complicandosi la vita.

In effetti la colonna oltre alla funzione di sostegno deve proteggere i fasci nervosi che corrono al suo interno (il midollo spinale), permettendo, allo stesso tempo di muoverci, chinarci, piegare la testa, senza che queste torsioni danneggino le vie nervose.

riabilitazione colonna vertebrale con crosystem

Figura 3

La colonna vertebrale è costituita da vertebre (fig. 1), incolonnate una sull’altra e separate da una sorta di cuscino elastico costituito da un rivestimento fibroso contenente un gel che deve ammortizzare, smorzare l’azione di ciascuna vertebra su quella sottostante ed anche, in misura minore, su quella soprastante (fig. 2).

Poiché ogni vertebra al suo centro ha un foro, incolonnandosi, le vertebre formano una sorta di canale (il canale vertebrale), all’interno del quale si trova il midollo spinale. Partono dal midollo spinale e arrivano ad esso fasci di fibre destinate a comandare i muscoli e a portare al sistema nervoso informazioni sensitive (fig. 3).

Figura 4

Figura 4

Non tutte le vertebre si muovono in ugual misura, le vertebre lombari e le vertebre cervicali sono quelle che maggiormente si possono spostare quando ci chiniamo o spostiamo la testa.

Quindi i dischi intervertebrali cervicali e lombari si trovano a dover svolgere la gran parte del lavoro per proteggere le vie nervose (fig. 4).

È tuttavia importante notare come la difesa non è data solo dai dischi che in realtà costituiscono l’ultima protezione Fondamentale ed essenziale è l’azione della muscolatura che, guidata dal sistema nervoso ha il fondamentale compito di costituire un ulteriore sistema protettivo, destinato ad impedire che i corpi vertebrali comprimano i dischi.

Le Patologie della Colonna

Se la funzione neuromuscolare è insufficiente, ad esempio perché scarsamente valida a causa di una vita troppo sedentaria, le forze compressive schiacceranno i dischi, favorendo le patologie che colpiranno primariamente i dischi cervicali e lombari che maggiormente soffrono l’usura. Questa si traduce in un serie di patologie abbastanza comuni.

fig. 6Inizialmente si ha una discopatia, che può non dare alcun disturbo ed essere quindi del tutto asintomatica. Tuttavia questa sofferenza del disco può, con il tempo, spingere fuori dal disco il suo contenuto che, in tal modo, andrà progressivamente a toccare, irritare, comprimere le fibre nervose. Se, ad esempio, verranno toccate le fibre nervose che portano la sensibilità dolorifica o tattile dall’alluce, queste fibre porteranno segnali alterati e il soggetto avvertirà dolore all’alluce o stimoli tattili, formicolii nella medesima sede. Naturalmente il problema non sarà all’alluce, ma alla colonna vertebrale, lì dove le vie nervose provenienti dall’alluce entrano nel canale vertebrale e vengono toccate dalla protrusione discale o dall’ernia.
A seconda delle zone in cui si avvertono questi problemi (piede, anca, ginocchio, braccio, mano ecc.) è possibile capire quale sia il disco interessato. La risonanza magnetica, l’elettromiografia daranno le indicazioni più precise.

Le Cause della Discopatia e dell’Ernia

La discopatia e l’ernia hanno come causa più frequente un cattivo controllo neuromuscolare della colonna vertebrale, oppure in un controllo inadeguato rispetto ai carichi che la colonna deve sostenere. Tra i compiti del sistema neuromuscolare c’è appunto la protezione delle articolazioni e i muscoli maggiormente imputati nelle discopatie sono certamente i muscoli delle spalle e del collo per le discopatie cervicali e i muscoli addominali per quelle lombosacrali.

La Terapia della Discopatia e dell’Ernia

In passato si interveniva chirurgicamente, oggi si riserva la chirurgia per i casi più estremi perché, anche se rimosse, le ernie tendono a recidivare e si preferisce la riabilitazione accompagnata, eventualmente, da farmaci, spesso antinfiammatori.
La riabilitazione si occupa di ripristinare la corretta funzione neuromuscolare nei territori interessati. Tuttavia si tratta di terapie molto lunghe e difficili. La muscolatura va infatti esercitata, ma con grande cautela, possibilmente indirettamente, per non aggravare la situazione. Un tipico esempio è dato dal problema del rinforzo della muscolatura addominale, per il quale si devono assolutamente evitare le classiche flessioni in avanti del busto e si può agire solo con specifici esercizi posturali che coinvolgano, senza forzare, la muscolatura che interessa.
Si tratta di un processo riabilitativo veramente molto lungo e difficile.

Il CroSystem interviene molto efficacemente sulla muscolatura addominale recuperando tono, forza e controllo, rapidamente e senza forzare assolutamente. Analogamente sulla muscolatura delle spalle e del collo il CroSystem consente di agire in modo molto rapido, eliminando quelle contratture che causano dolori e parestesie.

In Cosa Consiste il Trattamento con CroSystem

macchinario riabilitazione fisioterapia

conservativa delle protrusioni.

Per alleviare le dolorose contratture, diretta conseguenza di ernie e protrusioni discali, e per un adeguato rinforzo della muscolatura addominale, in sede di fisioterapia si è rivelato di grande utilità il trattamento con il CroSystemun innovativo macchinario che, grazie all’applicazione di particolari manipoli sui muscoli interessati, trasmette a questi ultimi delle vibrazioni meccaniche quasi impercettibili, che agiscono sulle reti di controllo motorio utile a:

  • Rinforzarli
  • Rilassarli
  • aumentarne la reattività e, quindi, nel caso, il controllo di protezione delle vertebre.

CrosyStem è completamente privo di controindicazioni, in quanto non emette correnti elettriche o campi magnetici, e non utilizza farmaci: può quindi essere utilizzato da tutti i tipi di pazienti, compresi i soggetti allergici ed i portatori di dispositivi intracorporei.

I limiti. il rinforzo della muscolatura addominale è essenziale per le forme lombari o lombo-sacrali. Tuttavia è necessario considerare che se frequentemente i sintomi (ad es. il dolore) sono diminuiti o addirittura eliminati in caso di protrusioni a livello di L1, L2, L3, L4, spesso meno evidente o assente può essere l’effetto su protrusioni a livello di L5, S1. Tuttavia l’intervento è ugualmente essenziale perchè ad oggi, il rinforzo della muscolatura addominale è considerata la via maestra per risolvere larga parte di questa problematica.

Dove Si Trova

L’elenco regolarmente aggiornato degli unici centri in Italia che realmente fanno uso del CroSystem ed hanno seguito i relativi corsi di preparazione al suo impiego è alla pagina Elenco dei Centri Abilitati.

Scopri dove effettuare un trattamento con CroSystem o contattaci per domande e informazioni!